26.07.2017 / Novità

Perfetto isolamento e sicurezza antisismica in Cile

La sede dell'Ambasciata Tedesca a Santiago del Cile, eretta nel 1944 in stile neoclassico, sorge in una zona molto attiva a livello sismico e ad estremo rischio di terremoto. L'edificio è già stato evacuato nel 2008 per motivi di sicurezza. A ragion veduta, poiché nel 2010 un violento terremoto ha fortemente danneggiato numerosi edifici nella città, che conta sei milioni di abitanti. Durante la ristrutturazione nel 2014/2015, protrattasi per un anno, si è provveduto al generale risanamento e all'adeguamento antisismico della costruzione, compresa la facciata, che assieme all'intero aspetto esteriore del complesso è sotto tutela dei beni artistici. (Cfr. Annuario Edilizia e Spazio 2015/16 del Bundesamt für Bauwesen und Raumordnung (Ufficio Federale Tedesco per l'Edilizia e l'Ordinamento territoriale)).
Vista frontale della residenza dell’ambasciata tedesca in CileImmagine: © BBR/ Christian Hagemann, Berlin

Il clima a Santiago del Cile è paragonabile a quello del Mediterraneo e, in generale, secco, ma con bruschi sbalzi di temperatura. Nei mesi estivi dominano temperature elevate, mentre d'inverno può essere freddo. Un punto a cui si è riservata particolare attenzione nell'opera di risanamento è stato, dunque, oltre all'adeguamento antisismico, anche il sostenibile miglioramento del bilancio energetico della struttura. Per questo i progettisti hanno principalmente puntato sull'installazione di nuove finestre in legno con bassi valori UW.

La ditta incaricata per la realizzazione delle finestre, la LIP GmbH, ha scelto vetri isolanti del costruttore Nowak Glas con listelli e bordo a bassa trasmittanza termica Thermix®. Sfruttando il raffreddamento notturno, abbinato alla protezione contro l'irraggiamento solare, ottenuta tramite tradizionali persiane, è stato possibile rinunciare completamente all’installazione nella costruzione di un impianto di climatizzazione.

Nel Settembre 2015, dopo appena due settimane dalla data di consegna, un terremoto d'intensità 8,2 ha sottoposto l'edificio ad un'effettiva prova su campo, che la struttura è stata in grado di superare perfettamente, in sicurezza e senza danni.